TARGA ILLEGGIBILE, COSA SI RISCHIA?

LA TARGA E’ ILLEGGIBILE? ATTENZIONE SI RISCHIA DALLA MULTA, ALL’ILLECITO PENALE

Molti credono, erroneamente, che avere la targa del proprio veicolo illeggibile non sia una cosa grave.

La targa d’immatricolazione dei veicoli in genere, sia anteriore che posteriore, (motoveicoli e rimorchi solo posteriore) deve contenere i caratteri alfanumerici assegnati in sede di prima immatricolazione, naturalmente deve essere chiaramente ed integralmente leggibile e collocata nella sua esatta posizione come previsto dall’art 258 e 259 Reg. C.d.S.

Omettendo una delle regole sopra indicate, previste nelle varie ipotesi sanzionatorie dall’art 100 e 102 del Codice della Strada, si rischia una multa più o meno grave, un’eventuale sanzione accessoria (fermo del veicolo e/o sequestro), fino alla più grave sanzione penale.

A seguire andremo a vedere alcune ipotesi:

La più frequente e forse la meno grave è la circolazione con targa:

  • Non chiaramente leggibile, perché sporca di fango, annerita dai fumi di scarico o altre cause esterne non dolose.

Per l’ipotesi appena menzionata il trasgressore è punito con la sanzione amministrativa che va da euro 41,00 a euro 169.00

A seguire elencheremo altre ipotesi sanzionatorie previste dalla norma:

  • Circolare con targa non più rifrangente, targa che nel tempo ha perso le caratteristiche costruttive e che per effetto del deterioramento i dati non sono più leggibili.

Per questa ipotesi, il trasgressore oltre alla sanzione amministrativa che va da euro 25,00 a euro 100.00, subisce quale sanzione accessoria, il fermo amministrativo del veicolo e il ritiro della targa con il successivo inoltro alla locale Motorizzazione Civile per la reimmatricolazione.

  • Circolare con targa non propria o contraffatta. La prescritta violazione ricorre quando si circola con targa non propria o con numeri e lettere non rispondenti ai dati del veicolo.

Il trasgressore oltre alla sanzione amministrativa che va da euro 2.006,00 a euro 8.025.00, subisce quale sanzione accessoria, il fermo amministrativo del veicolo e il ritiro della targa. Da segnalare che in caso di reiterazione verrà disposto il sequestro del mezzo utilizzato per la successiva confisca.

  • Circolare con targa collocata in maniera irregolare: La prescritta violazione ricorre quando si circola con targa installata in posizione tale da non permetterne la lettura parziale o totale; ad esempio (installata in maniera errata – con angolazione eccessiva, posizionata sul cruscotto o lunotto). Rientra anche in questa casistica, la targa dei motocicli che tante volte viene inclinata rispetto all’asse della strada oltre l’angolazione prevista dall’art. 259 del Reg. di esecuzione del C.d.S. Ipotesi denominata dagli addetti ai lavori ( forze di Polizia) targa a lettura satellitare.

Il trasgressore oltre alla sanzione amministrativa che va da euro 85.00 a euro 338,00, subisce quale sanzione accessoria, il fermo amministrativo del veicolo. Nel caso di reiterazione verrà disposto il sequestro del mezzo utilizzato, per la successiva confisca.

  • Circolare con targa falsificata-alterata-manomessa: la prescritta violazione ricorre quando si crea attraverso l’alterazione anche di un solo numero o lettera, una targa che riporta dati inesistenti o non rispondenti al veicolo.

Il trasgressore verrà denunciato all’Autorità Giudiziaria per uso di atto falso e/o falsità materiale. La targa verrà sequestrata, e messa a disposizione del Magistrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.