SMARRIMENTO e/o FURTO DELLA TARGA. PROCEDURE DA SEGUIRE

Come comportarsi in caso di smarrimento e/o furto della targa d’immatricolazione del veicolo.

L’art. 102 del Codice della Strada, stabilisce che l’intestatario del veicolo, in caso di smarrimento, sottrazione o distruzione, anche di una sola delle due targhe di immatricolazione deve, entro 48 ore dal momento in cui viene a conoscenza del fatto, farne denuncia agli organi di Polizia che ne prendono formalmente atto e rilasciano ricevuta.

Mentre nel caso di distruzione o deterioramento della targa si deve richiedere immediatamente una nuova immatricolazione del veicolo, nel caso di smarrimento o sottrazione, dopo aver effettuato la denuncia, è consentito circolare per 15 giorni previa apposizione a cura dell’intestatario di un pannello a fondo bianco riportante i caratteri alfanumerici contenuti nella targa originaria. Trascorsi i 15 giorni dalla denuncia senza nessun esito di ritrovamento si deve provvedere ad reimmatricolare il veicolo.

L’eventuale violazione per omessa denuncia agli organi di Polizia è a carico del proprietario del mezzo, il quale è punito con una sanzione amministrativa di 85,00 euro se il pagamento avviene entro 60 giorni, di 169,00 euro se avviene oltre i 60 giorni e di 59,50 euro con riduzione del 30%, se il pagamento avviene entro 5 giorni dalla contestazione o notificazione.

In caso di circolazione del veicolo con targa autocostruita senza aver effettuato la denuncia o di circolazione oltre i termini, l’intestatario del veicolo è punito con una sanzione amministrativa di 85,00 euro se il pagamento avviene entro 60 giorni, di 169,00 euro se avviene oltre i 60 giorni è possibile usufruire del pagamento in misura ridotta del 30% cioè di 59,50, entro 5 giorni dalla contestazione o notificazione.

La procedura per la nuova immatricolazione del veicolo è prevista dall’art. 93 del codice della strada.

La nuova targa viene rilasciata generalmente in breve tempo dal D.T.T (Dipartimento Trasporti Terrestri), ma in caso di ritardo per motivi burocratici è possibile circolare con targa autocostruita oltre il termine previsto, purché in possesso della denuncia e della ricevuta della richiesta di reimmatricolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.