PATENTE SCADUTA DA OLTRE TRE ANNI. REVISIONE PATENTE? O NORMALE RINNOVO?

Intanto iniziamo dicendo che, a parte la naturale scadenza prevista in sede di rilascio e periodica, non esiste alcun limite temporale oltre la scadenza, per rinnovare la patente di guida.

Infatti secondo gli articoli del Codice della Strada di riferimento quali, l’art. 126 del C.d.S. che stabilisce la durata di validità della patente di guida e dell’art 128 C.d.S. che prescrive la revisione della stessa a seguito di sussistenza o dubbi dei requisiti psico-fisici, ma nulla stabiliscono sui casi di patente scaduta da molto tempo.

Tuttavia esiste un termine, individuato in 3 (tre) anni dalla scadenza, indicato dalla circolare M.C.T.C. n°16 del 1971, superato il quale, diviene opportuno ma non obbligatoria la revisione della patente ai sensi dell’art 128 del C.d.S.

L’applicazione alla lettera del termine dei tre anni, ha portato il Ministero dei Trasporti ad emanare circolare esplicativa la NR° 705/2009 nella quale si chiarisce che:

Trascorsi tre anni dalla scadenza, gli uffici della Motorizzazione Civile, valutano il singolo caso, richiedendo eventualmente chiarimenti all’interessato e solo se persistono dubbi sull’idoneità dello stesso dispongono la revisione della patente.

In pratica la revisione della patente non va disposta automaticamente dopo i tre anni dalla scadenza, ma l’ufficio provinciale della Motorizzazione, dovrà tenere in considerazione le giustificazioni fomite dall’interessato sul perché non ha rinnovato la patente per così tanto tempo e valutare come già detto caso per caso.

Nel merito a favore di questa prassi nel corso degli anni si sono anche espressi i Tribunali Amministrativi.

Quindi in linea generale e sintetica, secondo le varie Sentenze del Consiglio di Stato e T.A.R e le varie circolari esplicative diramate dal M.I.T (Ministero Infrastrutture e Trasporti), la revisione non va disposta obbligatoriamente ogni qualvolta si sia superato il limite dei tre anni dall’ultima scadenza, ma la valutazione va fatta caso per caso, tenendo conto delle argomentazioni prospettate dal richiedente circa i motivi del ritardo nella richiesta di rinnovo.

Riassumendo:

  • Le patenti scadute da oltre 3 anni, escono dalla nuova procedura di rinnovo telematico, quindi l’utente dovrà rivolgersi direttamente agli uffici della Motorizzazione Civile.
  • La revisione non va disposta obbligatoriamente ogni qualvolta si sia superato il limite dei tre anni dall’ultimo rinnovo, ma la valutazione va fatta caso per caso tenendo conto delle argomentazioni prospettate dal richiedente circa i motivi del ritardo nella richiesta di conferma.
  • In sede di avvio del procedimento, il richiedente dovrà dimostrare di non aver perso i requisiti di idoneità tecnica alla guida successivamente alla data di scadenza della patente. A tal fine potranno essere valutate dall’Ufficio dichiarazioni, anche di terzi, ai sensi del D.P.R. n. 445 del 28.12.2000 e successive modifiche ed integrazioni, nonché ogni altro elemento ritenuto utile allo scopo.
  • L’eventuale provvedimento di revisione dovrà essere preceduto dalla comunicazione di avviso del procedimento ai sensi degli artt. 7 e 8 ex legge n. 241/1990.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.